Pubblico Appello per la ratifica da parte dell'Italia del trattato contro la corruzione

Egr. Sig. Presidente della Repubblica, Egr. Sig. Presidente della Camera dei deputati, Egr. Sig. Presidente del Senato, Egr. Sig. Presidente del Consiglio, Egr. Signori Ministri, Egregi onorevoli deputati e senatori, egregi direttori dei giornali, egregi esponenti e rappresentanti dei centri di controllo di legalità, egregi cittadini,


Premesso

                                                                                                                                                                            - che l'Italia, Stato membro del Consiglio d'Europa, nonostante abbia sottoscritto, il 27/1/1999, a Strasburgo, il trattato denominato Convenzione penale sulla corruzione non ha ancora provveduto alla sua ratifica.


- che da allora, la maggior parte delle nazioni che hanno sottoscritto questo trattato
lo ha già da tempo ratificato: Albania, Armenia, Azerbaijan, Belgio, Bosnia e Erzegovina, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, ex-Repubblica Jugoslava di Macedonia, Finlandia, Gran Bretagna, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Moldavia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Svezia, Svizzera, Turchia,            

- che, come recita il preambolo di detto trattato, la corruzione rappresenta una minaccia per lo Stato di diritto, la democrazia e i diritti dell’uomo, mina i principi di buon governo, di equità e di giustizia sociale, falsa la concorrenza, ostacola lo sviluppo economico e mette in  pericolo la stabilità delle istituzioni democratiche e i fondamenti morali della società...                        

- che costituisce credenza comune e corrispondente a verità che la corruzione costituisca una delle cause più gravi dell'attuale stato di degrado economico, politico e sociale in cui versa il paese;                                                  

- che la ratifica di questo trattato può costituire pertanto un momento qualificante nella lotta alla corruzione, l'occasione per recepire norme nuove e istituti più efficaci, per potenziare tutti i centri di controllo di legalità e per sviluppare nei giovani, con opportune e parallele iniziative, il senso del rispetto della legalità intesa come espressione della volontà di tutti;

Ciò considerato,

chiediamo

che il Parlamento ed il Governo, adottati i provvedimenti prodromici di rispettiva competenza, eventualmente occorrenti, si attivino per pervenire, con la necessaria urgenza, alla ratifica di questo trattato.

Situazione delle ratifiche

Testo del trattato (inglese)
Testo del trattato (in italiano)

Nome e cognome
attività svolta
email
Aderisco all'iniziativa ed autorizzo a dare pubblica notizia della mia adesione.
Non pubblicate la mia e-mail, Tenetemi informato degli sviluppi. Non autorizzo in alcun modo l'impiego commerciale della stessa.


Ultimo aggiornamento: 27-10-06.