Le dimensioni raggiunte dalla finanza (il debito pubblico di dimensioni superiori al pil) hanno fatto saltare il modello di sistema economico a cui si riferiva Keynes.

Roma Assemblea Azionisti Unicredit
16 Novembre 2009

L'assemblea precedente, quella del 29 aprile scorso,
fu vera fronda contro il cda?

Venne in quella occasione respinta la delibera del cda e ridotto
di circa il 13% il numero di azioni da distribuire gratuitamente.

Ma a votare contro furono gli stessi azionisti che pure erano rappresentati in consiglio e che avrebbero dovuto riconoscersi in quella delibera.

Fu fronda o una manovra ispirata da Mediobanca?

L'assemblea del 29 aprile 2008 iniziò alle 10,30 e  si concluse dopo 13 ore alle 23,30 (sic!)
ed a sorpresa - sicuramente per i piccoli azionisti che erano presenti - ha sconfessato il cda e fatto approvare una delibera diversa da quella comunicata al mercato ed "approvata" dalla Banca d'Italia. La delibera, proposta da un professionista portatore di poche azioni, riduceva di circa il 13%  il numero delle azioni da distribuire gratuitamente agli azionisti.
Sono stati danneggiati - quasi - tutti gli azionisti mentre si sono avvantaggiati i destinatari delle azioni, pari al 6,76% del capitale ordinario, detenute da Mediobanca (e destinati alle cashes) che  in alcun caso, per pregressi accordi avrebbero percepito queste azioni che venivano distribuite come dividendo.
 Da qui il suo oggettivo interesse, in evidente conflitto con quello di tutti gli altri azionisti di Unicredit, a ridurre il numero di tali azioni per non vedere ulteriormente diluita detta quota.
Da qui il conflitto indotto nello stesso cda di Unicredit  in cui sono presenti amministratori e soci amici di Mediobanca: lo stesso Presidente Rampl è vicepresidente di Mediobanca etc. etc.
E da qui l'opposizione, in assemblea, dei soci facenti capo a società "satelliti" di Mediobanca che hanno votato contro la delibera presentata
dal cda impedendone l'approvazione.
Il mercato ed i risparmiatori che avevano fatto affidamento sulla più generosa distribuzione di azioni sono stati, di fatto, ingannati.
Ma vi è di più, la delibera alternativa presentata all'ultimo momento in assemblea - probabilmente -
non poteva essere approvata
né discussa in quanto priva della certificazione della Banca d'Italia.

Comunque un gran pasticcio.
La richiesta di dimissioni di Rampl nel testo dell'intervento.

L'elenco di coloro che hanno votato il 29 Aprile contro la delibera del cda di Unicredit  impedendone l'approvazione.

A tutti i sostenitori
a scelta un database
con il Codice del Consumo
o
il Codice Civile (CC)
o

il Codice Penale (CP)
Tutti hanno alcune  caratteristiche che li rendono unici:
consentono
- la contestuale visualizzazione di più norme a scelta dell'utente,
- la possibilità di scrivere delle note su ciascun articolo di legge;
- la possibilità di aggiornamenti delle norme da parte dell'utente.
www.VacanzeSulWeb.it
dove si parla di andare in "bike" a Milano, vedere mostre e di come cercare di tutelarsi andando
in vacanza con un gruppo (come ad esempio Ventaglio) che è in difficoltà...


 un sito del Sindacato Consumatori e Utenti